> E invece non finisce mai...
E invece non finisce mai...
Mostra di Mirco Ambrogini
E invece non finisce mai...

"e invece non finisce mai..."

mostra d'arte di Mirco Ambrogini

Gradara, Palazzo Rubini Vesin

18 agosto - 2 settembre 2018

ingresso libero


A Gradara, presso Palazzo Rubini Vesin – dal 18 agosto al 2 settembre sarà aperta al pubblico la mostra d’arte contemporanea “E invece non finisce mai...” di Mirco Ambrogini a cura di Michele Fuoco. Ambrogini, stimato artista locale di indiscusso talento e rara sensibilità, espone per la prima volta una selezione di opere che ha realizzato ispirandosi alla produzione discografica del celebre cantante Roberto Vecchioni al quale è legato anche da un rapporto di amicizia e di reciproca stima.

Sin dal titolo “E invece non finisce mai” - verso tratto da uno dei brani più amati dal pubblico - si evince il legame fra i dipinti in mostra e le canzoni che li hanno ispirati. 


Inaugurazione della mostra: sabato 18 agosto ore 17.30 - Palazzo Rubini Vesin

con il giornalista e critico d'arte Michele Fuoco e curatore della mostra 

Incontro con Roberto Vecchioni: lunedì 27 agosto ore 21.00 - Rocca di Gradara, Piazza d'Armi

ingresso libero - posti limitati

 

 

La mostra “e invece non finisce mai” - patrocinata e promossa dal Comune di Gradara con Gradara Innova in collaborazione con Il Polo Museale delle Marche e con la Direzione della Rocca di Gradara - è organizzata dall’artista e maestro d’arte modenese Angelo Baldaccini.

L’esposizione ospiterà una sezione con creazioni dello stesso Baldaccini:”Un' amicizia d'arte e di valori umani” . L'artista condurrà inoltre una serie di laboratori per bambini e famiglie in programma per tutta la durata della mostra; è prevista anche un’area con allestimenti interattivi per coinvolgere i visitatori in maniera attiva nell’esperienza espositiva.

***

MOSTRA "e invece non finisce mai..." di Mirco Ambrogini

Palazzo Rubini Vesin, Gradara (via Umberto I n° 9)

18-08-2018/ 02-09-2018

CURATORE Michele Fuoco

ORGANIZZAZIONE Angelo Baldaccini

orari di apertura:

da lunedì alla domenica dalle 17.30 alle 23.00

laboratorio artistico per bambini attivo nell'orario di apertura della mostra (partecipazione gratuita)


Catalogo della Mostra "e invece non finisce mai..." 

Accompagnano le immagini delle opere brani tratti dalle canzoni di Roberto Vecchioni

 

MIRCO AMBROGINI

Nasce ad Ancona il 28 gennaio 1956 e fin da bambino frequenta lo studio del suo maestro Guerrino Bardeggia. Per circa dieci anni partecipa a molti concorsi aggiudicandosi diversi riconoscimenti. Dal 1996 tiene una serie di mostre personali, fra le tante citiamo alcune delle più importanti: Arezzo, Bari, S. Marino, Modena, Pordenone, Pescara, New York, Bra (Cuneo), Arcevia, Budabest e tante altre ancora. Nello stesso tempo i suoi quadri vengono richiesti ed esposti presso gallerie d’arte moderna in Italia e all’estero. Ambrogini è artista di grande talento e manualità, pittore, ceramista e scultore; esplora e sperimenta più tecniche pittoriche, notevoli i suoi “murales” dipinti in diverse parti d’Italia.

L’artista ha anche realizzato opere a carattere religioso per alcune chiese e monumenti per conto di committenti civili. Dotato di grande sensibilità verso i talenti nascosti, si dedica all’attività didattica organizzando corsi gratuiti presso le scuole di Pesaro e Gabicce località vicine allo studio dove lavora e vive.

Per la sua attività artistica è stato insignito della Medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica Italiana, del Premio Guareschi e del titolo di Cavaliere di Montevago. Sue opere sono state donate a Sandro Pertini, Papa Giovanni Paolo II, il poeta Mario Luzi. Ama scrivere, il teatro, la musica colta…

Hanno scritto di lui tanti critici d’arte e giornalisti; è stato spesso invitato a trasmissioni televisive per portare la sua visione della vita attraverso l’arte. La sua arte parla dei sensi profondi della vita, della condizione umana odierna. Una ricerca che sotto il profilo stilistico, in virtù della sua espressività cromatica, sfocia in un “nuovo figurativismo” narrativo con una sintassi frammentata ed incisiva quasi che l’emotività sottesa alla creazione più che alla coerenza del pensiero si proponga di toccare anche solo frammenti della verità del cuore.

e invece non finisce mai - mostra
e invece non finisce mai - mostra
e invece non finisce mai - mostra